Regole sanitarie

*Che cosa si intente
per proprietà responsabile

*Il nostro statuto
*

il nostro giornale

*il nostro portale


*Educazione cinofila
nove lezioni importantissime


*Agility
ecco come imparare e praticarla


Vita con il cane:

Le leggi

Nei locali pubblici

In vacanza col cane


In viaggio in ITALIA


In viaggio all'estero


Ordinanze e sentenze

Qui accettano il tuo cane


SPONSORS

Vendi prodotti per animali, cibo o altro e desideri diventare nostro sponsor?
Contattaci

la comunità virtuale di Milano, fanne parte anche tu!

RITRATTO DI RHODA

Ritratti d'amore
dipingere con passione e creare ritratti fantastici di cani e di gatti, potrebbe esserci anche il tuo!

 

RANDAGISMO
ordinanze e sentenze

 
Sentenza della Terza Sezione Penale della Corte di Cassazione n. 46291/2003
  • Gli animali vanno trattati con umanità: sì alla condanna di chi prende a calci un cane:
    Prendere a calci un cane per futili motivi è reato perché anche gli animali sono essere dotati di sensibilità e devono essere trattati con umanità. La Terza Sezione Penale della Corte di Cassazione ha confermato così la condanna per il reato di maltrattamento di animali inflitta ad un uomo che aveva preso a calci il cane di una signora allo scopo di attirare l&Mac226;attenzione della donna. Per il reato di maltrattamenti, ha spiegato la Suprema Corte, non è richiesta la lesione fisica all&Mac226;animale, essendo sufficiente una sofferenza, in quanto la norma mira a tutelare gli animali quali esseri viventi capaci di percepire con dolore comportamenti non ispirati a simpatia, compassione ed umanità.
  • TUTTI GLI ANIMALI  
Sentenza della Terza Sezione Penale della Corte di Cassazione n. 2376 ( 2 marzo 1999)
  • Sempre punibile chi abbandona il cane:
    Se un cane gettato fuori da una macchina segue la vettura, questa è la prova che il conducente è proprietario del cane. Così ha sentenziato la Suprema Corte affermando che non serve la prova della "domesticità" del cane per indicarne la proprietà. Basta aver accertato che l'animale veniva trasportato a bordo dell'autovettura e che una volta gettato fuori tentava di rincorrerla.

 

Sentenza della Prima Sezione Penale della Corte di Cassazione n.1394 (6 marzo 2000)
  • Se il cane abbaia non è disturbo della quiete:
    Se gli ululati del cane non disturbano una pluralità di persone, ma solo un singolo vicino, non è configurabile il reato di disturbo alla quiete pubblica. La Suprema Corte ha affermato che affinchè vi sia disturbo alla pubblica tranquillità (art.659 c.p.) "è necessario che i rumori siano obiettivamente idonei ad incidere negativamnete sulla tranquillità di un numero indeterminato di persone"
Sentenza della Corte di Cassazione del 30 gennaio 1999
  • Non prendersi cura dell'animale equivale a maltrattarlo:
    Maltrattamento non è solo infliggere sofferenze ad un animale, ma anche rifiutarsi di compiere azioni necessarie al suo benessere, quali procurargli cibo, riparo ecc.

Sentenza della Corte di Cassazione del 1999 sulla legge 157/92 (legge sulla caccia)

 

  • Alcuni cacciatori maltrattano:
    La sentenza ha stabilito che alcune pratiche venatorie, pur consentite dalla legge 157 non sono compatibili con l'articolo 727 del codice penale. Causare sofferenze all'animale è reato sempre perseguibile anche nel caso in cui tali azioni sono consentite da altre leggi.

 

Fonte ENPA

RITORNA ALLA PAGINA DELL'A.P.R.